Ristorante Olio e The Box: molto di più di un semplice ristorante

Al piano terra di The Box, struttura di prestigio, si trova l’esclusivo ristorante Olio: cucina d’autore, arte e macchine d’epoca 

Nel cuore della zona industriale di Origgio è stato inaugurato da neanche un anno Olio, un nuovo ristorante gourmet assolutamente da provare.

Destinato a diventare un punto di riferimento per le aziende della zona e non solo, questo locale può contare su una posizione strategica: è raggiungibile in neanche mezz’ora dal centro di Milano, dall’aeroporto di Malpensa e da Como, dista pochi minuti dal polo fieristico di Rho e sorge in una posizione tranquilla al di fuori del caos cittadino.

Dedicato ad una clientela di alto livello alla ricerca di un ambiente raffinato, elegante e ricco di spunti culturali e occasioni di intrattenimento inattese, è il luogo ideale dove poter gustare del buon cibo e del buon vino e trascorrere momenti conviviali in tranquillità. Inoltre, si presta benissimo per incontri d’affari o eventi aziendali, soprattutto se si cerca qualcosa di diverso e si vuole fare colpo sui propri ospiti.

Il progetto “The Box”, un concept innovativo multi-esperienziale

Il ristorante è inserito all’interno di un complesso multifunzionale e multi-esperienziale chiamato “The Box”, una struttura poliedrica dal concept innovativo. Voluto e realizzato dalla famiglia Milini, imprenditori di successo della zona, the Box è un progetto che mette insieme sotto lo stesso tetto tre grandi passioni dei proprietari: le auto d’epoca, l’arte e la cucina. La scelta del nome “Olio” è particolarmente evocativa, in quanto l’olio è il filo conduttore, l’aggregatore di questi tre mondi apparentemente diversi riuniti in un solo posto: da una parte rappresenta l’eccellente olio extravergine di oliva del Garda utilizzato nella preparazione dei piatti, simbolo di buona e sana cucina, dall’altra è l’olio del motore oppure è quello usato per dipingere i molti quadri appesi alle pareti.

L’esposizione di auto rare d’epoca aperta a tutti gli ospiti

Uno dei punti di forza di questa interessante e poliedrica struttura è la possibilità che hanno gli ospiti del ristorante di visitare gratuitamente la collezione permanente di auto storiche rare situata al secondo piano. Qui si possono ammirare le auto di vip e personaggi famosi o vetture che hanno fatto la storia, spesso esemplari addirittura unici. Per esempio, c’è l’auto di Diabolique, oppure quella di Ranieri quando conobbe Grace Kelly, la Fiat 1100 (di cui esistono solo due esemplari), la bici Siata – antenata del ciclomotore prodotta dalla Ducati nel primo dopoguerra o la macchina di Gina Lollobrigida, solo per citarne alcune. Su richiesta è, inoltre, possibile accedere anche all’area esterna dove continua la collezione espositiva.

Un tuffo nel passato e nel presente di questo appassionante mondo in grado di suscitare l’interesse e la curiosità anche dei non intenditori, oltre che una vera e propria chicca in grado di lasciare senza parole anche gli appassionati più esigenti.

Per chi lo desidera, è disponibile un efficiente e competente servizio di restauro o di auto-officina, curato dal team di Valvole in Testa di Paolo Milini.

Il museo a cielo aperto e la mostra d’opere d’arte all’interno

Altro spazio che incanta per la sua bellezza è lo splendido e curato giardino ornato da ulivi secolari – che in alcuni casi si avvicinano addirittura ai mille anni – dove si trovano alcune spettacolari opere scultoree di Mitorai, come la ragazza con la luna – uno degli oggetti più fotografati.

La mostra d’arte continua, poi, all’interno nelle varie sale del ristorante, dove si trovano i quadri di Francesco Salvi, per intenderci quello che nell’88 cantava “C’è da spostare una macchina”, che contribuiscono a dare un tocco di colore e di originalità.

Il Ristorante Olio: cucina d’autore per palati fini ed esigenti

Inserito all’interno di The Box troviamo, al piano terra, il Ristorante Olio, espressione di una cucina raffinata di alto livello, dove lasciarsi coccolare e viziare con ricette esclusive che esaltano i sapori tipici dei prodotti di mare e dell’orto.

All’ingresso colpisce subito la grande e scenica teca dei vini, uno spazio da ben 630 bottiglie che consente all’ospite una grande varietà di scelta. In lista si possono trovare sia le etichette dei più pregiati brand italiani e stranieri che vini di piccoli produttori di alta qualità accuratamente selezionati.

Gli ampi interni ispirati allo stile berlinese caratterizzano in modo diverso i vari ambienti di Olio, mentre allestimenti, arredi e oggetti di design, accostati con impeccabile buon gusto, contribuiscono a creare un’atmosfera intima ed accogliente. I materiali, accuratamente selezionati, riprendono gli elementi caratteristici dell’intero contesto di The Box: legno, pietre, tessuti, cristalli e metallo richiamano, infatti, le autovetture esposte ai piani superiori.

La cucina a vista conferisce un tocco scenografico all’ambiente circostante. Per i celiaci – il ristorante è certificato glutenfree – è presente una zona dedicata in grado di garantire la preparazione dell’intero menù senza glutine, dall’antipasto al dolce, un’autentica rarità in Italia.

A guidare la brigata degli chef c’è il giovane Andrea Marinelli (vedi nostro altro articolo), capace di trasformare ogni piatto in un piccolo capolavoro grazie all’uso di abbinamenti estrosi e inusuali, particolarmente azzeccati e basati sulla combinazione di prodotti della tradizione con contaminazioni internazionali. Una vera esperienza non solo per il gusto ma anche per la vista. Nota di merito anche per l’impiattamento decisamente invitante e accattivante.

Nella scelta dei menù, che seguono l’andamento stagionale e sono legati alla disponibilità delle materie prime, particolare importanza viene attribuita alla qualità e alla freschezza degli ingredienti: pesce di giornata, ma anche ortaggi che, quando possibile, sono di propria produzione.

L’amore verso l’ambiente e la sostenibilità perseguite anche avvalendosi delle più moderne tecnologie

Ciò che impressiona è il grande lavoro che è stato compiuto nella realizzazione di The Box: la cura per i dettagli emerge, infatti, già dalla scelta dei materiali impiegati nella progettazione del complesso, come il legno per il rivestimento delle facciate, ma anche il verde che si trova ovunque, dai giardini, alle serre, alle terrazze. E non finisce qui, perché l’attenzione verso l’ambiente non è da meno, tanto è vero che l’energia viene ottenuta dal sistema fotovoltaico installato sui capannoni adiacenti e tutti i materiali utilizzati nella costruzione sono naturali, facilmente riciclabili e con un basso fabbisogno energetico.

Una menzione particolare va, inoltre, all’utilizzo di tecnologie all’avanguardia, con, ad esempio, in sala, un impianto di aerazione a raggi UV per la purificazione dell’aria e un soffitto progettato con nanotecnologie per assicurare un microclima equilibrato e attutire i rumori, o, in cucina, con soffitti aspiranti a compensazione dotati di raggi ultravioletti per la dispersione delle particelle di grasso in atmosfera.

Una altra curiosità è la presenza, sempre all’interno del complesso, di serre dallo stile ispirato a Venezia, un agrumeto e orti in vasche di pietra dove il terreno è monitorato con cura. Inoltre, i prodotti – utilizzati come ingredienti nella ristorazione – vengono coltivati seguendo un approccio biologico ed ecosostenibile. Spazi tutti visitabili.

Il cocktail bar per l’aperitivo e il dopo cena

Oltre al ristorante, c’è un bistrot, il lounge bar e la terrazza panoramica per complessivi 160 posti a sedere su circa 800 mq. Olio, inoltre, è dotato di un cocktail bar – spazio affidato al barman Marco Neri – aperto anche la domenica, dove provare cocktail sia classici che creativi ma anche distillati di qualità, oltre naturalmente a piatti selezionati della cucina, in particolare crudi di mare e di terra, per un aperitivo, una cena o un after dinner.

L’area dedicata agli eventi

All’interno di “The Box” c’è, poi, un’area dedicata all’organizzazione di eventi, completamente attrezzata, una terrazza con affaccio diretto sul bellissimo giardino ed è disponibile un ampio parcheggio sia esterno che interno.

Un piccolo microcosmo, insomma, che merita sicuramente una visita.

Non saremmo, tra l’altro affatto sorpresi, se fra qualche anno il ristorante riuscirà a conquistare la Stella Michelin.

Per informazioni

Ristorante Olio

Via S.P. 233, Via Varesina, 1, 21040 Origgio VA

info@ristoranteolio.it

info@ristoranteolio.it

https://ristoranteolio.it/it/

Please follow and like us:
Pin Share
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Instagram