Identità Milano 2021: novità su vini, cocktail & spirits

Girovagando tra gli stand per scoprire le ultime tendenze e le sinergie tra il mondo del vino e gli spirits     

Dal 25 al 27 settembre si è rinnovato a Milano, presso il centro congressi MiCo, l’appuntamento con Identità Milano, il Congresso Internazionale di Cucina d’Autore, Pasticceria e Servizio di sala ideato da Paolo Marchi e Claudio Ceroni , arrivato alla 16° edizione.

La kermesse ha proposto un fitto programma di eventi, tra cui masterclass, showcooking, talk, forum. In aggiunta, è stato allestito un vasto spazio espositivo, un importante palcoscenico dove poter degustare i prodotti, fare esperienza e dialogare con i produttori scambiandosi opinioni sulle tendenze attuali e future.

Queste alcune delle nostre piacevoli scoperte girovagando per gli stand.

La novità dell’antica distilleria Bonaventura Maschio: l’amaro ai fiori, alle erbe e alle spezie, lo sfizioso Tiramisù di casa e il gin spray puro e aromatizzato

La storica Distilleria della zona di Treviso (https://www.primeuve.com/it/about/), da sempre impegnata nell’attività di ricerca e innovazione, ha proposto in degustazione nel suo stand gli ultimi nati, l’Amaro Bonaventura Erbe e Fiori, l’Amaro Bonaventura Erbe e Spezie e il Tiramisù di casa. Quest’ultima, una vera e propria chicca da abbinare all’omonimo dolce. Per un’esperienza ancora più appagante cospargere con polvere di cacao.

Alma de Lux e i suoi liquori artigianali per veri intenditori

Direttamente dal Vesuvio, l’azienda Alma de Lux (http://www.almadelux.it/) – un laboratorio artigianale che produce liquori sintesi di passione, genuinità, cultura, sapori, eleganza e stile – ha proposto in degustazione alcuni tra i suoi più prodotti più particolari. Per chi ama i sapori forti e decisi, sicuramente da non perdere “Diablo”, un liquore dal profumo di agrumi, che all’assaggio sorprende le papille gustative con le sue intense ed inebrianti note di peperoncino e di zenzero che si mescolano al gusto aspro del limone. Per i curiosi vale l’assaggio di “Cigarro”, un liquore veramente alternativo che nasce dall’infusione dei migliori Puros Cubani di cui ricorda le sensazioni ed i piaceri. Per i più tradizionali eccellente anche l’amaro alla liquirizia. Deliziose anche le graziose ampolle dipinte a mano che ospitano i preziosi distillati.

Il fresco e dissetante cocktail a base di Rosolio di Bergamotto Italicus

Rimanendo sul tema dei cocktail abbiamo apprezzato il cocktail con Perrier, pompelmo e Rosolio (liquore che avevamo già avuto modo di apprezzare in una delle nostre degustazioni, vedi link https://foodandwinemagazine.it/2021/02/05/rosolio-di-bergamotto-italicus-by-pernod-ricard/): un cocktail fresco, dissetante, dal gusto delicato ed invitante.

I cocktail innovativi realizzati con i vini di Contadi Castaldi

Un esempio di come vino e mixology possono andare a braccetto è stato fornito dal Gruppo Terra Moretti Vino. L’azienda ha portato al Congresso le etichette più rappresentative in versione Magnum del brand Contadi Castaldi, una vera e propria eccellenza nella produzione spumantistica franciacortina. Al banco di degustazione è stato possibile provare sia lo spumante in purezza che gli intriganti cocktail realizzati con Brut e Pinodisè abbinati ai creativi finger food di “CARICO”, il locale “CAsual RIsto COcktail bar” di Domenico Carella, per un esperienza veramente sorprendente.

Cillario & Marazzi spirits: il progetto del gin sartoriale

Per gli appassionati di Gin merita una menzione anche la Distilleria Cillario & Marazzi spirits con il suo progetto di Gin Sartoriale, rivolto a barman, cocktail bar, ristoranti, hotel e aziende che desiderano avere un gin su misura in ogni suo aspetto: ricetta, bottiglia, etichetta.

Guido Berlucchi e Brut 61 Nature: un evergreen ancora attuale

Dulcis in fundo, a rappresentare degnamente la tradizione enoica italiana non poteva mancare una pietra miliare della storia spumantistica italiana: Guido Berlucchi.

Fu, infatti, proprio nel 1961 che il visionario Guido Berlucchi insieme al giovane e talentuoso enologo Franco Ziliani diedero vita al primo metodo classico della Franciacorta.

Per celebrare i 60 anni della Cantina, l’azienda ha proposto in degustazione il suo Brut 61 Nature in abbinamento al gran culatello Platinum Spigaroli e al Parmigiano Reggiano Vacche Rosse Caseificio Gennari. Un vino che si conferma un evergreen e che ancora oggi continua ad incantare con il suo perlage e con il suo gusto unico tutte le generazioni.

Please follow and like us:
Pin Share
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Instagram