Cuvage ASTI DOCG “Acquesi” è il miglior spumante aromatico del mondo

Champagne & Sparling Wine World Championship, una delle più autorevoli manifestazioni in fatto di bollicine conferisce tre premi al Cuvage Asti Docg “Acquesi”, proclamato  miglior spumante aromatico del  mondo

Il 4 Novembre si è tenuta a Londra la cena di gala del celebre concorso Champagne & Sparling Wine World Championship, una delle più importanti manifestazioni dedicate al mondo delle bollicine a livello internazionale, ideata da Tom Stevenson, una vera e propria autorità in materia.

Nell’ambito della manifestazione è stato decretato il Cuvage ASTI DOCG “Acquesi” prodotto dal gruppo Mondodelvino spa come miglior vino aromatico del mondo, premio per la prima volta assegnato alla categoria delle bollicine aromatiche,  ma non solo. L’Acquesi in quest’occasione si è aggiudicato anche il titolo di best in class ASTI dolce e Best ASTI.

Un traguardo importante che premia anni di duro lavoro finalizzato a valorizzare un territorio ricco di sfaccettature e i suoi vini più rappresentativi, in particolare il Moscato e l’Asti, prodotti sia nella versione tradizionale che introducendo delle sperimentazioni, come nel caso dell’Asti secco e del Cuvage metodo classico.

E’ un onore ricevere questo premio, che rappresenta un grande riconoscimento oltre che per la nostra azienda anche per l’intero territorio piemontese e per l’Italia. Un tributo ad una denominazione antica che oggi merita di essere rilanciata.” Queste le parole di Alfeo Martini, fondatore e presidente del gruppo Mondodelvino.

Il Cuvage Asti DOCG “Acquesi” fa parte della linea di territorio che l’azienda dedica alla città di Acqui Terme ed è il frutto dell’eccellente lavoro dell’enologo Loris Gava.

E’ un vino bianco aromatico dolce, realizzato con il Metodo Martinotti e sottoposto ad un lungo affinamento di  minimo 4 mesi in autoclave. Le uve di Moscato bianco, accuratamente selezionate, sono  coltivate nei terreni marneo-calcarei della catena collinare che si estende dalla zona di Acqui fino a Cossano Belbo, con picchi in vigneti della zona di Mango.

Di un luminoso giallo paglierino, al naso è  caratterizzato da un bouquet aromatico inteso, con note di fiori bianchi, glicine e fiori d’arancio che si mischiano a note fruttate, come pesca, agrumi e scorza d’agrumi. In bocca è elegante, dolce, ma non stucchevole, sostenuto da una buona acidità e da note minerali, tipiche della zona di Acqui. Normalmente associato nell’inconscio collettivo di tutti al Natale e al Panettone, è ottimo da gustare accompagnato anche da pasticceria secca, crostate o pesche ripiene. Da provare anche in abbinamento ai piatti agro-dolci o della cucina asiatica.

In contemporanea all’evento londinese, per assistere in diretta alla premiazione e per festeggiare questo importante traguardo l’azienda ha organizzato per un pubblico di giornalisti ed esperti di settore una “Live show Sparkling night“, che ha unito Milano, Londra e Priocca (CN).

La serata si è aperta con una degustazione, guidata da Paolo Massobrio, ideatore di Golosaria, in collaborazione con l’enologo Loris Gava, interamente dedicata al re degli aromatici del Piemonte, che ha permesso ai presenti di conoscere meglio i vini a base moscato e le diverse interpretazioni  di questo vitigno.

Sono stati proposti in degustazione:

  • Acquesi Asti Secco,l’ultimo nato caratterizzato da interessanti note citrine e sapide accompagnate da un perlage fine e persistente;
  • “Acquesi”Asti Docg, vincitore del triplice premio, fine ed elegante nel perlage, dolce ma non stucchevole, ricorda le stesse note minerali del vino precedente e conferma le sensazioni organolettiche precedentemente descritte. Colpisce per l’eleganza, finezza, equilibrio e rotondità, a nostro avviso veramente eccezionale;
  • “Acquesi” Moscato d’Asti Casarito proveniente dai terreni calcarei di Moscato, spumante dal color giallo paglierino tenue con riflessi dorati, presenta profumi aromatici, floreali e fruttati. In bocca è dolce, morbido ed equilibrato con una bella spuma bianca. Ritorna anche qui una dolcezza accompagnata da una gradevole spalla acida.
  • “Acquesi” Metodo Classico che recupera una tradizione antica ( basti pensare a Gancia che è stato precursore del Metodo Classico in Italia). E’ un pas dosè di buona struttura, il colore è brillante, dolce ma non sfacciato.

Durante la serata è stato possibile degustare alcuni altri eccellenti prodotti dall’azienda Mondovino in abbinamento con la cucina fusion proposta dal ristorante Alchimia di Milano, tra cui  Cuvage Blanc de Blanc s.a, Cuvage Alta Langa Brut Rosè millesimato 2016, Cuvage des Artistes nebbiolo d’Alba Brut Rosè millesimato 2016,  Nebbiolo d’Alba Docg rosato.

Please follow and like us:
RSS
Follow by Email