Castello di Semivicoli dei Masciarelli: tra degustazioni ed emozioni

Un viaggio tra i vigneti della campagna aretina per scoprire l’Abruzzo più autentico e degustare i suoi vini più rappresentativi

Sempre più realtà vitivinicole nelle varie regioni d’Italia stanno aprendo le porte all’ospitalità, dotandosi di proprie strutture ricettive, offrendo diversi pacchetti per far conoscere i loro vini e il territorio del quale sono espressione.

L’autunno e i mesi invernali, con il foliage, la bruma mattutina che avvolge la campagna rendendola ancora più affascinante e misteriosa, il freddo che stimola il desiderio di momenti conviviali, rappresentano il periodo ideale per andare per cantine.

Un posto magico lontano dalle solite mete turistiche è il Castello di Semivicoli, l’antico palazzo ducale del XVI secolo oggi trasformato in esclusivo Wine Resort di proprietà delle Tenute Agricole Masciarelli, azienda vitivinicola annoverata tra le più importanti e rappresentative della regione e considerata da Wine Spectator tra le migliori 100 aziende vinicole d’Italia.

In questa incantevole dimora di charme situata in provincia di Chieti, oltre a degustare vini eccellenti è possibile fare un viaggio nel viaggio. Già da solo l’elegante boutique hotel è, infatti, un luogo ricco di fascino, dove si respira la storia e la tradizione contadina, ideale per rilassarsi e staccare la spina, ma anche punto di partenza per scoprire il territorio, un angolo incantevole e poco conosciuto d’Abruzzo.

Immerso in una pace assoluta, l’antico palazzo ducale del XVI secolo, un tempo di proprietà del barone Perticone, sorge sulla cima di un colle nella contrada Semivicoli di Casacanditella, circondato dai vigneti e da una vista spettacolare sulla Majella e sulla Costa Adriatica. Non lontano un piccolo e pittoresco borgo, dove probabilmente un tempo vivevano i contadini che lavoravano la terrà per la proprietà e la Chiesa di S. Nicola, punto di riferimento della comunità locale.

Tra architetture d’epoca, abilmente riportate al loro antico splendore da un lungo restauro conservativo, opere d’arte, mobili antichi e di design d’avanguardia, arredi pregiati, oggetti tratti dalla quotidianità in un contesto elegante e sofisticato, è facile lasciarsi conquistare dal fascino del mondo bucolico. La struttura dell’edificio è quella dell’antica casa baronale, disposta su tre piani. Il piano terra, un tempo adibito alle attività produttive, conserva ancora l’antico frantoio, la cantina, i magazzini e l’affascinante bottaia, ai quali si aggiungono la reception e l’enoteca con le etichette sia delle Masciarelli Azienda Agricola che della Gianni’s Selection,  un’azienda di distribuzione di etichette selezionate italiane e straniere creata per mettere a disposizione una linea sempre più ampia di prodotti composta solo da eccellenze.

Al primo piano, un tempo il piano nobile, sede delle stanze private e di rappresentanza, oggi si trovano, oltre alla stanza della duchessa, trasformata in suite, i raffinati spazi conviviali: sale relax, lettura, conversazione e la sala per la colazione. Quest’ultima con il grande camino, le suppellettili tratte dalla vita quotidiana ed i vecchi giocattoli rievoca suggestioni lontane coperte dalla patina del tempo, ricordi d’infanzia, in un’atmosfera intima e familiare. I piani superiori, dove un tempo c’erano le stanze della servitù e il granaio, sono stati trasformati in fascinose camere e suite, tutte dotate di ogni confort, ognuna diversa dall’altra, sia nella disposizione che negli arredi e con un proprio carattere distintivo.

Tra le varie iniziative che il Castello di Semivicoli organizza regolarmente, ci sono la visita dei vigneti, della cantina e le degustazioni dei pregiati vini dell’azienda, molti dei quali vincitori di premi, abbinati a materie prime e prodotti biologici e a km 0, alcuni delle stesse Masciarelli Tenute Agricole, come olio, sale, miele e vincotto, altri presidio slow food, espressione delle eccellenze tipiche locali.

I vini in degustazione sono quelli delle linee dell’azienda, che rappresentano un classico esempio delle potenzialità dei vari territori abruzzesi (le Tenute hanno vigneti in tutte le aree vitivinicole della regione) e di come il connubio tra innovazione e tradizione possa portare a risultati eccezionali. Tra questi vi è anche la linea “Castello di Semivicoli” dedicata al Castello, che quest’anno compie dieci anni, che ci compone di Pecorino, Trebbiano e Montepulciano prodotti dalle vigne circostanti. In occasione di questa ricorrenza speciale, a dicembre, uscirà l’edizione limitata “10 anni”.

Quando è periodo è anche possibile prendere parte alla vendemmia, in modo da poter vivere anche l’ebbrezza del lavoro nei campi, farsi inebriare dal profumo del mosto e prendere parte anche se per brevi momenti al processo di produzione del vino.

Per il concetto di ospitalità taylor-made sviluppato al Castello di Semivicoli, è stata coniata l’espressione “pop-up Château”: molti gli eventi estemporanei di gastronomia, musica, arte e cultura che vengono organizzati per intrattenere l’ospite, che spaziano dalla “merenda in vigna” alla “cena con delitto”, da “la tavola di Gianni” al “ brunch domenicale” ed ai concerti. Assolutamente indimenticabile sono anche i festeggiamenti della notte di S. Silvestro, ogni anno ispirati ad un tema diverso.

Per l’attenzione e la sensibilità verso l’ambiente, il castello vanta l’affiliazione con Eco-world, un booking engine che in Italia raggruppa strutture con particolare sensibilità all’ambiente. Fa, inoltre, parte del prestigioso circuito “Les Collectionneurs”, una associazione presieduta da Alain Ducassi che comprende oltre 500 dimore storiche, castelli e ristoranti selezionati come strutture in grado di far vivere piacevoli esperienze.

Avendo più tempo a disposizione, il Castello di Semivicoli costituisce anche un’ottima base per visitare il territorio circostante, costellato di antiche chiese, eremi e borghi, veri e propri gioielli architettonici dove il tempo sembra essersi fermato.

Percorrendo il percorso degli eremi si possono scoprire edifici, che hanno ospitato personaggi illustri, come l’eremo di Celestino V. Non lontano dal Castello si trova, inoltre, anche una vera e propria chicca: il paese di Guardiagrele, considerato uno dei borghi più belli d’Italia, un tempo molto famoso per la lavorazione del metallo. Qui è possibile trovare ancora botteghe dove poter ammirare gli artigiani al lavoro, mentre praticano l’antica arte orafa, lavorano il ferro battuto o la ceramica. Un posto famoso anche per l’alta pasticceria, essendo l’unico in cui è possibile trovare un dolce tipico locale, le Sise delle Monache.

Anche per gli amanti della natura e degli sport all’aria aperta molte sono le opportunità offerte da questo splendido territorio: dagli innumerevoli percorsi di trekking dello spettacolare Parco Nazionale della Majella alle gite in bicicletta (le biciclette sono fornite gratuitamente agli ospiti del Castello), al vicino campo di Golf.

Non lontano c’è anche la costa adriatica dei trabucchi, che durante il periodo estivo offre l’occasione di conoscere anche questa peculiarità tipica locale.

Un percorso nei sapori, nei profumi, nelle tradizioni e nella storia della bellissima terra d’Abruzzo, alla scoperta del fascino di un mondo bucolico e autentico, ancora vivo e presente, della genuinità dei suoi prodotti e della sua gente. Una piacevole evasione che promette di regalare, oltre ai piaceri del vino, grandissime emozioni.

Per informazioni e prenotazioni: http://www.castellodisemivicoli.com/