“Prémices” di Marc Hennequière: uno champagne che riflette il territorio della Côte des Bar

Tra i vari Champagne degustati della zona della Côte des Bar il Brut Marc Hennequière “Prémices” a dosaggio zero è uno di quelli che meglio esprime il carattere distintivo e le potenzialità di questo territorio, che rappresenta la zona meno conosciuta dell’intera regione dello Champagne e anche quella sulla quale esistono più pregiudizi. Aggiunta solo nel 1911 alla denominazione dello Champagne, a seguito della “Revolucion en Champagne” guidata da Gaston Cheq, la Côte des Bar  presenta, al contrario,  livelli qualitativi in costante ascesa, come si può evincere dagli appunti di degustazione che seguono.

Champagne Marc Hennequière Prémices – Cotes des Bar – 50% Chardonnay, 47% Pinot Noir, 3% Meunier. Annata base 2016 – Brut Nature – Terreno argilloso, calcareo del Kimméridgien.

Quest’azienda, che produce circa 18.000 bottiglie, è stata fondata nel 1980 da Marc Hennequière da cui prende il nome. La proprietà è situata a Avirey Lingey, nel cuore della Haute Valléè de la Sarce nella Cote de Bar, a sud dello Champagne, non lontano dalla Borgogna. Qui, pianure e pendii conferiscono ai vigneti equilibrio e armonia. Anche se il calcare non si presenta sotto forma di gesso, ma sotto una forma di argilla e calcare, quest’area costituisce un habitat ideale per la coltivazione del Pinot Noir. In questa zona, inoltre, il sottosuolo ha una grande particolarità: è ricco di depositi di fossili marini del Kimmeridgiano, che contribuiscono a rendere questo terroir unico nel suo genere.

Marc e Nelly hanno iniziato il progetto di “champagnizzazione” negli anni 2000, imparando il mestiere dai viticultori che sono andati in pensione, e da svariati anni stanno lavorando per creare uno champagne che rifletta il territorio. Negli appezzamenti della tenuta vengono coltivati prevalentemente pinot nero e, su un terreno argilloso-calcareo particolarmente adatto per sua la produzione, chardonnay.

L’etichetta proposta in degustazione si chiama “Prémices” ed è un Brut Nature, annata base 2016, composto da 50%Chardonnay, 46% Pinot Noir e 3% Pinot Meunier, uno Champagne molto elegante, equilibrato e ben bilanciato, prodotto da viti di oltre 25 anni, che il produttore ha deciso di proporre come pas dosé in modo da lasciarlo il più naturale possibile. Le tre tipologie di uva vengono vinificate a parte in modo indipendente e solo dopo vengono assemblate. Per preservare al massimo la freschezza non vengono aggiunti zuccheri. Il luminoso colore giallo pallido con riflessi brillanti è animato da bolle fini e regolari.

Al naso è intenso ed elegante. Ad un primo impatto è un’esplosione di frutti bianchi, mela e frutti gialli. Lasciandolo aerare un po’, si sente il legno e avanzano sentori crosta di pane, vaniglia e burro fuso.

Al palato è vivace, pieno, rotondo, carnoso e allo stesso tempo fresco, strutturato e cremoso, con un finale di agrumi, arancia e pesca. Pur essendo un Brut Nature risulta molto materico e di grande struttura.

Un eccellente champagne molto elegante e strutturato, decisamente raffinato e ideale da abbinare ad una cena a base di crostacei, ma anche a funghi e piatti esotici.

Uno champagne insomma in grado di regalare grandi sensazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *